Diagramma ER

Identifica le relazioni tra gli elementi del database per lanciare o aggiornare con successo il tuo software. Mostra come le entità interagiscono tra loro e come le informazioni fluiscono attraverso il tuo software o processo aziendale.

Entity Relationship diagram in MiroEntity Relationship diagram in Miro
Entity Relationship diagram in MiroEntity Relationship diagram in Miro

70 mln di utenti nel mondo si fidano di Miro

Con un diagramma entità relazione è possibile capire chiaramente come sono strutturati i dati. Grazie a questa rappresentazione visiva dei dati, è possibile identificare facilmente le relazioni tra le diverse entità e prendere decisioni migliori su come gestirle. Scopri di più sull'uso di questi diagrammi o creane uno con il nostro strumento per diagrammi ER online.

Cos'è un diagramma ER?

Un diagramma entità relazione (noto anche come diagramma ER o diagramma ERD o semplicemente ERD) mostra come le entità (persone, oggetti e concetti) interagiscono tra loro. Questi modelli concettuali di dati aiutano sviluppatori e progettisti a visualizzare le relazioni tra gli elementi chiave del software. Creati dall'informatico Peter Chen negli anni '70, i diagrammi ER sono comunemente utilizzati dalle aziende per il design dei database. Tuttavia, gli ERD possono anche mappare le relazioni tra altri elementi aziendali, come i ruoli (come il rapporto tra un product manager e uno sviluppatore), gli oggetti aziendali tangibili (come un prodotto o un servizio) e quelli intangibili (come il backlog di prodotto). Il diagramma entità relazione stesso è un tipo di diagramma di flusso. È un modello logico che mostra il flusso dei dati da un'entità all'altra. Con questo formato facile da seguire, gli sviluppatori e i progettisti di software possono visualizzare chiaramente la struttura di un sistema.

Simboli del diagramma ER

Ogni diagramma presenta una selezione di simboli del diagramma entità relazione. Ecco alcuni dei simboli più comuni:

Rettangoli

I rettangoli rappresentano le entità parente. Spesso hanno entità deboli (doppi rettangoli) che si appoggiano ad esse.

Ovali

Gli attributi sono rappresentati da ovali. Delineano le caratteristiche di un'entità.

Diamanti

I diamanti vengono utilizzati per mostrare le relazioni tra le entità.

Frecce e linee di connessione

Le linee e le frecce vengono utilizzate per mostrare le relazioni tra le entità.

Cardinalità

Le cardinalità delineano la quantità di informazioni che fluisce (per saperne di più, leggi i prossimi paragrafi).

Perché i diagrammi entirà relazione sono importanti nel design dei database?

Quando si tratta di lanciare un nuovo software, gli sviluppatori e i progettisti di database hanno bisogno di un modo semplice ma efficace per visualizzare la struttura. Devono sapere come le entità lavorano insieme, gli attributi delle entità e come le entità si relazionano tra loro. È qui che può essere utile un modello ER logico. Un diagramma ER consente agli sviluppatori di mappare ogni elemento chiave di un nuovo database. Possono vedere come funzionerà il software, testare alcune relazioni in anticipo e individuare eventuali lacune nel software prima che venga messo in funzione. Questo porta a un processo più fluido per il team di sviluppo al momento della messa in funzione. La creazione di un diagramma entità relazione aiuta anche gli sviluppatori a individuare le aree da migliorare nei database esistenti. Un diagramma ER facilita la visualizzazione dei punti in cui il software attuale deve essere migliorato. Gli sviluppatori possono quindi eseguire il debug dei database per migliorare il software in futuro.

Quali sono le 3 principali componenti di un diagramma ER?

Le 3 principali componenti di un diagramma ER sono:

Entità

Tipicamente visualizzate come un rettangolo, le entità sono nomi (come oggetti, persone, concetti o eventi). Simboli diversi spesso riflettono tipi diversi di entità. Ad esempio, un insieme di entità forti è solitamente rappresentato da un rettangolo, mentre un insieme di entità deboli è rappresentato da un doppio rettangolo.

Attributi

Gli attributi sono le caratteristiche di un'entità. Ad esempio, supponiamo che il diagramma ER mappi il software che gli studenti utilizzano per iscriversi all'università. Sotto l'entità "Studente", le seguenti informazioni saranno menzionate come attributi: Student_No, Student_Name, and Course_Of_Study.

Relazioni

In un diagramma ER, le linee di connessione e le frecce hanno delle etichette. Queste etichette rappresentano il modo in cui le entità interagiscono, mostrando allo sviluppatore le relazioni tra di esse. Anche i diversi tipi di linee di connessione hanno significati diversi e mostrano agli sviluppatori il flusso di dati da un'entità all'altra. Si tratta di relazioni cardinali, che verranno spiegate in dettaglio più avanti. Con questi tre componenti, gli sviluppatori possono mappare gli elementi chiave di un database nuovo o esistente.

I benefici di un diagramma entità relazione

Vediamo alcuni dei principali vantaggi dell'utilizzo di un diagramma ER.

1. Visualizzare le relazioni

Un diagramma entità relazione è un modello fisico delle relazioni tra entità. Permette di visualizzare come le entità si relazionano tra loro, come funzionano le loro relazioni e dove queste relazioni possono essere migliorate.

2. Semplificare sistemi complessi

Con un diagramma ER è possibile scomporre sistemi e database complessi. Per capire meglio il funzionamento del sistema, è possibile vedere come le entità interconnesse si collegano e si sovrappongono.

3. Educare membri del team e stakeholder

Utilizza un modello logico dei dati (come un diagramma ER) per mostrare ai dipendenti (nuovi ed esistenti) come funzionano i sistemi. Utilizzalo per aggiornare gli stakeholder interni ed esterni e tenere tutti informati.

4. Facilità di creazione

I modelli entità relazione sono diagrammi semplici, cioè facili da capire. Non è necessario essere uno sviluppatore di software per creare il diagramma, né sono necessarie conoscenze tecniche per comprenderlo. Inoltre, con uno spazio di lavoro virtuale come Miro, è possibile utilizzare un modello già pronto per iniziare.

Esempio di diagramma ER

Dai un'occhiata al nostro modello di diagramma ER per vedere un esempio di modello dei dati fisico in azione. Il diagramma delinea le fasi del percorso del cliente durante l'acquisto e la ricezione di un prodotto. Quando viene effettuato l'ordine, l'azienda identifica il prodotto corretto e lo consegna al cliente.

S1_2–3_columns_filled_templates_er_diagram_002S1_2–3_columns_filled_templates_er_diagram_002
S1_2–3_columns_filled_templates_er_diagram_002S1_2–3_columns_filled_templates_er_diagram_002

Questo ERD mostra come queste entità lavorano insieme, a partire dal cliente e dai suoi attributi. Da qui, il diagramma delinea tutti gli attributi relativi all'ordine specifico e utilizza la cardinalità "one-to-many" dal cliente all'ordine. In sostanza, un cliente può effettuare più ordini o ordinare più articoli in un unico acquisto. L'entità ordine si divide quindi in due direzioni. Il flusso del diagramma confluisce nei prodotti e nelle categorie di prodotti a destra. Questo viene utilizzato per determinare esattamente i prodotti ordinati dai clienti. Una volta ricevute queste informazioni, i dati passano alla fase di consegna, durante la quale il cliente riceve il suo ordine. Questo è un esempio di diagramma ER e dimostra quanto possa essere versatile.

Come creare un diagramma ER

L'area di lavoro digitale di Miro è la piattaforma perfetta per i team collaborativi per creare un diagramma entità relazione intuitivo e visivamente accattivante. Inizia selezionando questo modello gratuito di diagramma ER e segui i passaggi che seguono per creare il tuo diagramma entità relazione.

1. Identifica le entità

Il primo passo consiste nell'identificare tutte le entità che formano il tuo database o processo. Questa fase è diversa per tutti. Se stai mappando un database o un software, identificherai tutti gli elementi chiave del software. Se invece ti stai concentrando su un processo o su una struttura aziendale, ti concentrerai sugli elementi aziendali e sui ruoli rilevanti. In definitiva, spetta a te individuare le entità giuste in base al modello che stai cercando di mappare. Per aiutarti a iniziare, ecco alcuni esempi di entità ERD:

Una persona

Ad esempio, un cliente, un dipendente, uno studente o un paziente.

Oggetti

Ne sono un esempio i prodotti, i macchinari e i veicoli.

Eventi

Ad esempio, l'acquisizione di un cliente, il completamento di una vendita o l'esecuzione di un rinnovo.

A questo punto del processo, non preoccuparti troppo di mettere gli elementi in un ordine particolare. Lo si farà quando si individueranno le relazioni. Concentrati invece sulla copertura di ogni entità per garantire che il diagramma del database sia il più accurato possibile.

2. Aggiungi gli attributi

Ora puoi aggiungere attributi per caratterizzare le entità. Utilizziamo un esempio per dimostrarlo. Immaginiamo che una delle entità sia il colore di un prodotto. All'interno di questa entità, gli attributi potrebbero includere quanto segue: - Nome del colore - Codice del colore - ID del colore Tutte queste informazioni aggiungono dettagli all'entità. Sia che si tratti di mappare un database o di delineare un processo aziendale, gli attributi sono fondamentali. Definiscono tutte le proprietà che definiscono un'entità, mettendo in primo piano nel diagramma le informazioni chiave.

3. Evidenzia le relazioni tra le entità

Una volta definite le entità e gli attributi, è il momento di mappare le loro relazioni. Utilizzando linee di connessione e frecce, collega le entità per indicare le loro relazioni. Non tutte le entità saranno correlate, e va bene così. Concentrati sugli elementi che sono in relazione tra loro e collegali. Quando tutte le linee di connessione sono pronte, si possono aggiungere le etichette per descrivere il tipo di relazione. Immagina di avere due entità: un "Cliente" e un "Ordine". Si potrebbe aggiungere un'etichetta alla linea di connessione per mostrare la relazione tra queste entità. L'etichetta "Luoghi" indica che le entità si relazionano tra loro attraverso un'azione specifica (quando un cliente effettua un ordine). Anche se questa informazione è piccola, fornisce un contesto aggiuntivo, rendendo più facile per chiunque legga il diagramma capire come e perché alcuni elementi sono collegati.

4. Definisci le cardinalità

Un altro modo per fornire informazioni aggiuntive è quello di utilizzare le cardinalità. Le cardinalità definiscono gli attributi numerici delle relazioni tra entità. Rappresentano il flusso di informazioni o di dati tra le entità. Esempi di cardinalità comuni sono:

Relazione one-to-one

Un cliente che può acquistare un solo prodotto alla volta.

Relazione one-to-many

Un cliente in grado di acquistare più prodotti alla volta.

Relazione many-to-many

Un gruppo di clienti che può acquistare più prodotti alla volta.

I piccoli simboli su ogni linea di collegamento o freccia riflettono questi valori numerici. I simboli variano a seconda della quantità di informazioni che scorrono e della direzione in cui si muovono. Per rendere il diagramma il più chiaro e conciso possibile, è necessario considerare la cardinalità. Ciò consente di mostrare esattamente la quantità di informazioni che si muovono tra le entità, nonché la direzione in cui si muovono. Di conseguenza, chiunque legga il diagramma avrà immediatamente un'idea chiara di come i dati fluiscono attraverso l'intero database o sistema.

5. Condividi il tuo diagramma ER

Una volta pronto il diagramma finale, è il momento di condividerlo con le parti interessate. In questo modo i membri del team e le parti esterne (come gli investitori o gli stakeholder) potranno porre domande e fornire feedback. Con lo strumento di Miro per i diagrammi ER online, è facile per i team collaborare durante questo processo. È sufficiente condividere il diagramma con le parti interessate, che potranno aggiungere commenti direttamente sulla board.

6. Aggiorna e itera

Con il passare del tempo, il tuo modello concettuale probabilmente cambierà. Il software potrebbe dover essere aggiornato, i database potrebbero aver bisogno di nuovi elementi e i diagrammi della struttura del team potrebbero diventare rapidamente obsoleti. Per assicurarsi che l'ERD sia al passo coi tempi, è necessario aggiornarlo regolarmente. Ciò significa che ogni volta che ci sono delle modifiche, bisogna tornare al tavolo da disegno e implementarle. Anche se non ci sono modifiche di cui si è a conoscenza, vale comunque la pena di tornare al diagramma e assicurarsi che sia aggiornato. Più frequentemente lo si rivede, più è facile assicurarsi che il diagramma rifletta accuratamente il database o il processo. Anche se aggiornare regolarmente un diagramma può richiedere molto tempo, l'area di lavoro digitale di Miro semplifica il processo. Utilizza la funzione drag-and-drop per spostare i componenti del diagramma entità-relazione e le nuove forme di entità, e modifica il testo esistente in pochi clic. E dato che tutte le modifiche vengono visualizzate in tempo reale, tutti i membri del team possono sempre vedere la versione più aggiornata, ovunque si trovino.

Crea facilmente il tuo diagramma ER

Con uno spazio di lavoro collaborativo come Miro, è possibile creare un ERD unico ed efficace per la propria azienda. Utilizza il modello di diagramma entità relazione per offrire una struttura, o crea il diagramma da zero con il nostro strumento per diagrammi ER online.